ILTABURNO

Vai ai contenuti

Menu principale:

FIRMATO IL CONTRATTO PER LA MANUTENZIONE DI 300 KM. STRADE PROVINCIALI
Stamani è stato sottoscritto alla Rocca dei Rettori, come annunciato nei giorni scorsi, il contratto relativo ad un lotto di lavori di manutenzione per 300 chilometri di strade provinciali sannite, in aggiunta a quello per altri circa 900 chilometri, già da mesi in esecuzione.
Con la firma del contratto si chiude anche questa parte della Vertenza di lavoro del Consorzio Esaf, individuato ed incaricato dalla Regione Campania di dare esecuzione ad un appalto di 18 milioni di Euro circa suddiviso in due lotti, sotto la supervisione e sorveglianza da parte della Provincia di Benevento, che aveva visto nei giorni scorsi numerose proteste da parte dei 190 lavoratori per le strade di Benevento.
Il rappresentante legale del Consorzio di imprese Esaf, Generoso Perna, stamani ha firmato il contratto davanti al Segretario generale della Provincia, Maria Luisa Dovetto, ed al Dirigente del Settore Tecnico dell’Ente e al responsabile dell’Ufficio Contratti, rispettivamente Angelo Giordano e Franco Armando.
I lavori di manutenzione per questi 300 chilometri di strade cominceranno entro il prossimo mese di settembre.
Successivamente alla sottoscrizione, presso l’Ufficio del Segretario Dovetto, su richiesta di una rappresentanza dei lavoratori Esaf, si è tenuta una riunione nel corso della quale sono stati illustrati i contenuti del contratto e i relativi adempimenti dell’Impresa affidataria.
Benevnto 6 Agosto 2020

SANITA', SIGLATO L'ACCORDO CON GLI SPECIALISTI AMBULATORIALI
A distanza di 19 anni dal primo accordo integrativo regionale, con il via libera dalla Giunta regionale della Campania, si è giunti alla firma del nuovo accordo con gli specialisti ambulatoriali. L’accordo regionale si inserisce nel processo di revisione e potenziamento della rete sanitaria territoriale campana.
Il nuovo accordo prevede, in linea con l’accordo Collettivo nazionale (ACN), una riorganizzazione distrettuale della specialista ambulatoriale che con la costituzione delle Aggregazioni Funzionali territoriali (AFT) assicura una concreta presa in carico del paziente attraverso l’utilizzo di specifici percorsi diagnostici e terapeutici (PDTA) e il potenziamento delle attività di cure domiciliari.
Particolare attenzione viene rivolta ai pazienti affetti da più patologie croniche (fino al 92% della popolazione anziana) che necessitano di interventi polispecialistici e alla possibilità di utilizzare la piattaforma regionale dedicata alle attività di teleconsulto, televisita e teleassistenza.
E’ ribadita la partecipazione degli specialisti ai processi di presa in carico dei pazienti nell’ambito di attività legate ad emergenze sanitarie e il fondamentale ruolo nei processi decisionali di diagnosi e cura dei pazienti affetti da Sars-COV 2.
L’accordo prevede anche incentivi per i professionisti che decidono di svolgere la loro attività in aree particolarmente disagiate, e un potenziamento aziendale delle azioni di verifica e controllo delle attività veterinarie.
Napoli 6 Agosto 2020

COVID-19, ORDINANZA SU TRASPORTO PUBBLICO LOCALE
Si anticipano i contenuti dell'ordinanza n. 65 firmata dal Presidente della Regione Campania, che sarà emanata entro oggi, e che contiene ulteriori misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.​
- Su tutto il territorio regionale, fino al 15 agosto 2020, salva l’adozione di ulteriori provvedimenti in conformità con l’assetto normativo vigente, con riferimento al trasporto pubblico locale si osservano le disposizioni seguenti.
- Con riferimento ai collegamenti marittimi:
- resta confermata la previsione della possibilità di occupazione del 100% dei posti seduti a bordo, con la precisazione che eventuali posti cd. “faccia a faccia” dovranno essere riservati esclusivamente a componenti dello stessa unità abitativa o gruppo familiare;
- resta confermato l’obbligo per i soggetti che utilizzano mezzi di trasporto, di linea e non di linea, di indossare correttamente i dispositivi di protezione individuale (cd. mascherina) in tutte le aree terminal (ivi compresi banchine e moli) nonché all’ingresso e a bordo dei mezzi di trasporto, durante tutto il tragitto, ferma l’osservanza delle ulteriori disposizioni vigenti per la prevenzione del rischio di contagi;
- resta confermato per gli esercenti l’attività di trasporto, di linea e non di linea, l’obbligo di vietare l’ingresso a bordo dei passeggeri che non indossino la mascherina e di adottare misure idonee ad evitare affollamenti sui mezzi, fino al completo deflusso dei passeggeri all’arrivo;
- è fatto obbligo ai gestori del servizio di trasporto di rilevare la temperatura corporea dei passeggeri all’imbarco e di impedire l’accesso a bordo laddove venga rilevata una temperatura superiore a 37,5 gradi centigradi;
- è fatto obbligo di osservanza delle ulteriori misure precauzionali e di sicurezza previste dall’allegato 2 al DPCM 14 luglio 2020;
- è fatta espressa raccomandazione alle Prefetture competenti e ai Comuni interessati di predisporre ed attuare idonei Piani di sicurezza ed ordine pubblico a bordo, volti ad assicurare la presenza sugli aliscafi e traghetti di unità di personale delle Forze dell’Ordine e/o della Polizia municipale al fine di garantire l’osservanza degli obblighi e misure di sicurezza vigenti, da parte del personale e dell’utenza, nonché le sanzioni di legge in caso di inosservanza;
- si rinvia, per quanto non previsto dal presente provvedimento, alle disposizioni di cui al Protocollo allegato n.2 al DPCM 14 luglio 2020 ad aggiornamento delle misure dei protocolli regionali adottati in materia.
- Con riferimento al trasporto su gomma e ferro:
- sono confermate le vigenti limitazioni all’utilizzo dei posti a bordo e le ulteriori disposizioni regionali, vigenti alla data odierna, in ordine all’obbligo di indossare la mascherina nei terminal, nelle stazioni, all’ingresso a bordo e per tutta la durata del tragitto.
Napoli 6 agosto2020

ITINERARIO UNESCO “CREATOR VESEVO”. 4 MILIONI PER NAPOLI, ERCOLANO, POMPEI E TORRE ANNUNZIATA
Con un Protocollo d'intesa tra Regione Campania, Comune di Napoli e i Comuni di Ercolano, Pompei e Torre Annunziata nasce l'Itinerario Unesco “Creator Vesevo. In cammino tra le gemme Unesco da Napoli a Pompei” che si prefigge la valorizzazione culturale e turistica dei principali percorsi del centro storico UNESCO di Napoli e delle aree archeologiche di Ercolano, Pompei e Torre Annunziata.
Il progetto è realizzato grazie ad uno stanziamento di 4 milioni di euro a valere su fondi POC da parte della Regione Campania, cui è affidato un ruolo di coordinamento delle attività dell'Itinerario, realizzate anche attraverso la società Scabec.
Nello specifico il progetto è così articolato:
Il Comune di Napoli è destinatario dell'importo complessivo di euro 3.350.000 per la realizzazione del progetto Creator Vesevo. In cammino tra le gemme Unesco da Napoli a Pompei, di cui euro 1.475.000 per le azioni di promozione, comunicazione e valorizzazione dei beni culturali relativi alla proposta progettuale complessiva e di euro 1.675.000 per gli interventi di restauro, conservazione, manutenzione straordinaria, istallazioni di dotazioni tecniche e acquisizioni di attrezzature/apparecchiature per la valorizzazione e fruizione dei beni immobili di valore storico-artistico e architettonico Castel Nuovo, San Domenico Maggiore, S.S. Annunziata, PAN e Museo di Totò.
Il Comune di Ercolano, è destinatario dell’importo complessivo di euro 249.840 per la realizzazione del Progetto culturale con intervento di restauro e risanamento conservativo, istallazione di dotazioni tecniche ed acquisizione di attrezzature per la valorizzazione e la fruizione del Giardino storico della Villa Comunale sul Miglio d’oro con realizzazione del Belvedere su Villa dei Papiri.
Il Comune di Pompei è destinatario dell'importo complessivo di euro 250.000 per la realizzazione di Interventi di riqualificazione di palazzo De Fusco e dei giardini delle antiche Terme pompeiane – Il recupero della memoria storica della città.
Il Comune di Torre Annunziata è destinatario dell'importo complessivo di euro 150.000 per il progetto Torre Annunziata tra memoria ed identità.
Napoli 4 agosto 2020
OSPEDALE DI SOLOFRA, 11 MILIONI E MEZZO PER IL RILANCIO DELLA STRUTTURA E ISTITUZIONE DEL PRONTO SOCCORSO
Si è svolta oggi a Palazzo Santa Lucia una riunione convocata dal Presidente De Luca, alla quale hanno partecipato i sindaci dei Comuni del bacino di utenza del presidio ospedaliero di Solofra, per affrontare in maniera conclusiva e definitiva il piano di rilancio della struttura.
L’ospedale di Solofra deve continuare a servire il bacino di utenza della Valle dell’Irno, ma affinché ciò si realizzi pienamente è improcrastinabile la messa in sicurezza l’ospedale. L’Azienda sta facendo un grande sforzo per accelerare i lavori di messa a norma. È pertanto necessario effettuare i lavori già programmati. La Regione ha stanziato circa 10 milioni di euro a tal fine, ed ha reso immediatamente disponibili i primi 2 milioni per l’antincendio. L’Azienda, in aggiunta, ha deciso di ammodernare con fondi propri una sala operatoria i cui lavori, sono iniziati il 23 luglio scorso. Inoltre, a seguito della recente programmazione regionale per il rafforzamento della rete ospedaliera, si procederà all’inizio dei lavori di realizzazione di 4 posti letto. di Terapia intensiva tramite anticipazione di 500 mila euro da fondi aziendali.
Si riconferma pertanto che l’ospedale di Solofra accoglierà il Pronto Soccorso. L’investimento di cui è destinatario l’ospedale (11,5 milioni) conferma la volontà di qualificare e potenziare la struttura.
Napoli 4 agosto 2020

MASTERPLAN COSTA SUD, AGGIUDICATA LA GARA. DIECI PROGETTI MIRATI PER IL LITORALE DOMITIO-FLEGREO
La gara per l’elaborazione del Masterplan del Litorale Salerno Sud è stata aggiudicata oggi al raggruppamento di imprese "Mate/Studio Silva srl/Ftourism e Marketing di Josep Ejarque/Stefano Boeri Architetti". E’ un passaggio decisivo, che concretizza la scelta di una programmazione ad ampio raggio, per il litorale Sud come per quello domitio-flegreo a nord della regione, che è già in fase avanzata nella progettualità.
Terminata le procedure di indirizzo e confronto con i sindaci e con il coinvolgimento di tutti i territori interessati sul litorale sud della Campania, anche per il litorale che va da Salerno a Castellabate, parte la progettazione.
“Con i due Masterplan – ha dichiarato il Presidente Vincenzo De Luca - prosegue il lavoro di riqualificazione del territorio campano, con un riordino urbanistico di qualità che tiene conto delle vocazioni dei territori. Da oggi è al lavoro un qualificato gruppo di progettazione per la costa sud della Campania. E un ulteriore passo in avanti in questa direzione, riguarda il masterplan del litorale domitio-flegreo, che è stato consegnato nei giorni scorsi, e per il quale sono stati già individuati 10 progetti per aree territoriali e per funzioni definite, per i quali rapidamente si procederà con le gare per dare concretezza al disegno urbanistico già definito”.
Napoli 4 agosto 2020


DEROGA AL DIVIETO DI ATTINGIMENTO PER L'AREA DEL TAMMARO E DEL FORTORE
Stamani il Presidente della Provincia di Benevento Antonio Di Maria ha disposto la deroga, per l’area del Tammaro – Fortore, al divieto di prelievo per gli attingimenti d’acqua a valle della diga di Campolattaro anche per le colture di soccorso di alcune foraggere (come mais ed erba medica), per particolari colture agroalimentari (pomodoro, peperone, fagiolo) e coltivazioni arboree. Il provvedimento, che si colloca nel contesto della strategia finalizzata allo sfruttamento delle acque dell’invaso mai utilizzate sino ad oggi, nasce dai colloqui che il Presidente della Provincia ha intrattenuto nei giorni scorsi con il Vicepresidente nazionale di Coldiretti, Gennaro Masiello, ed con il direttore di Coldiretti provinciale, Gennaro Dell’Orto, che gli avevano descritto in maniera documentata la gravità della crisi idrica del comparto agricolo, in particolare nell’area Tammaro - Fortore, aggravata dalla mancata possibilità di irrigare le colture a causa di alcuni divieti di attingimento. Il provvedimento di Di Maria, di autorizzazione all’attingimento da corpi idrici, è condizionato dalla presentazione di certificazione da parte degli utenti dell’installazione di idonei dispositivi di sanificazione delle acque prelevate e l’effettiva idoneità delle acque trattate dai predetti dispositivi. Viene, dunque, consentito il rilascio delle autorizzazioni per l’attingimento a scopo irriguo per le aree servite dal fiume Tammaro, a monte e valle della diga di Campolattaro fino all’area industriale ASI di Ponte Valentino dietro presentazione di apposita istanze documentate come prevista dal Regolamento Regionale n. 2 del 06.03.2018. Il provvedimento nasce da un’analisi della situazione attuale del comparto agricolo e dallo sforzo di porre rimedio in tempi rapidi almeno alle maggiori criticità. A giudizio del Vice Presidente della Coldiretti Masiello la situazione è assai pesante non solo per l’economia agricola locale, già messa a dura prova da una pluralità di fattori, ma anche per i giacimenti della zootecnia e dell’agroalimentare di eccellenza regionale, di cui l’allevamento dei bovini di razza Marchigiana è uno dei modelli. La richiesta di deroga nel divieto degli attingimenti è stata, peraltro, accolta dal Presidente Di Maria, oltre che sulla base di queste considerazioni da lui pienamente condivise, anche dalla lettura e presa d’atto della Relazione rilasciata, a seguito di sua formale ed esplicita richiesta, dall’ARPAC lo scorso 30.07. in merito ai campionamenti effettuati nel primo quadrimestre 2020 e che hanno attestato essere “buono” lo stato chimico dell’acqua a valle della diga di Campolattaro. Il Vicepresidente Masiello ha così commentato la decisione di Di Maria: “Oggi è stato compiuto un altro passo avanti importante per la valorizzazione delle risorse idriche grazie alla delibera della Provincia, con il conforto delle rilevazioni scientifiche. L'area del Tammaro-Fortore si conferma la chiave per una grande rivoluzione che si compirà con le opere di derivazione della Diga. Ma già questa deroga è un segno di cambiamento di cui va dato atto e merito al presidente Di Maria, che ha accolto con senso di responsabilità la proposta di Coldiretti. Il futuro del Sannio si gioca sulla valorizzazione dei fiumi e del sistema idrico. Ripulirli, renderli fruibili, valorizzarli, viverli completamente insieme al lago di Campolattaro consentirà di creare ricchezza facendo crescere agricoltura, turismo e tutela ambientale”. Il Presidente Di Maria ha, dal canto suo, dichiarato: “Il provvedimento che autorizza gli attingimenti a scopo irriguo a valle della diga di Campolattaro per l’area del Tammaro e del Fortore è uno dei numerosi tasselli dell’azione che stiamo costruendo per sfruttare la risorsa acqua resa disponibile dal più grande invaso della Campania. Il territorio sannita ha enormi potenzialità e la sua vera ricchezza risiede nelle sue eccellenze territoriali, ambientali, paesaggistiche e naturali che vanno tutelate e valorizzate. La diga e le acque di Campolattaro sono una risorsa strategica ed un vero e proprio volano di sviluppo per il Sannio e, dopo 40 anni dalla posa della prima pietra dell’invaso, è ormai davvero venuto il tempo che questa strategica opportunità di ricchezza collettiva e sociale venga còlta dai nostri concittadini. Per giungere a tale risultato, che necessita delle sinergie delle Istituzioni, io credo che possano fin d’ora essere autorizzate ed avviate quelle misure che garantiscano la rinnovata vitalità della nostra agricoltura. L’agricoltura sannita è una componente essenziale nella formazione del Pil provinciale: fino a quando l’agricoltura è stata trainante, il nostro territorio non ha sofferto, come soffre oggi, il dramma dello spopolamento e della desertificazione sociale ed i nostri piccoli borghi costituivano altrettanti poli trainanti l’economia locale. Occorre ridare fiato al comparto agricolo tutto ed in particolare a quello delle eccellenze produttive ed alle unicità tipiche: in questo senso, il provvedimento di parziale deroga, per i suoi contenuti innovativi, può essere un modello sperimentale per un territorio più vasto. L’interlocuzione con il Presidente della Coldiretti ed il Direttore Masiello è stata molto utile per individuare e definire quegli interventi e quelle misure che potessero realizzare un salto di qualità per il comparto agricolo. Restano ora da concretizzare gli altri interventi per lo sfruttamento per usi civili dello straordinario giacimento dell’invaso sul Tammaro”.
Benevento, 4 Agosto 2020.

APPROVATA LA SPESA DI 50MILA EURO PER ARRDI E ATTREZZATURE SCOLASTICHE
Antonio Di Maria, Presidente della Provincia di Benevento, ha approvato stamani il progetto per una spesa di 50mila Euro relativo a forniture di arredi e attrezzature scolastiche previste nei protocolli ministeriali per la prevenzione del contagio da Covid 19. L’intervento è stato autorizzato dal Ministero dell’Istruzione che ha messo a disposizione della Provincia di Benevento la somma di 50mila Euro a seguito della sua partecipazione ad un bando pubblico finalizzato a consentire la normale ripresa delle attività didattiche con l’Anno Scolastico 2020/2021.
Benevento 4 Agosto  2020
Sequestro di pozzi a pannarano dai Carabinieri Forestali
I militari della Stazione Carabinieri Forestale di Montesarchio, a seguito di denuncia di avvelenamento delle acque di un pozzo sporta contro ignoti da parte di un proprietario di un fondo agricolo sito loc. Sa nta Maria in Cannavile in agro del comune di Pannarano, intervenivano constatando nell’immediatezza elementi di pericolosità delle acque del pozzo e di quelle contenuta in alcuni contenitori adiacenti allo stesso. Venivano quindi prelevati dei campioni consegnati all'Arpac di Benevento per gli accertamenti del caso. Sia il pozzo che i contenitori venivano posti sotto sequestro al fine di evitare ulteriori possibili conseguenze negative per l’ambiente. Il denunciante si era rivolto ai Carabinieri Forestale di Montesarchio poiché insospettito dalla strana colorazione azzurrina dell’acqua utilizzata per innaffiare il proprio orto e dall’ odore sgradevole che la stessa emanava. I sospetti del cittadino e dei Carabinieri Forestale venivano confermati dalle analisi tossicologiche svolte dall’ Arpac di Benevento, che hanno confermato la presenza di una sostanza ad alta tossicità sia nell’acqua del pozzo che dei barili. Immediatamente venivano attivati tutti i protocolli di sicurezza da parte dell’ASL e del Sindaco di Pannarano, che ha adottato un’ordinanza di interdizione al prelievo di acqua dal pozzo esaminato e di tutti quelli a valle. Tuttora sono in corso indagini per risalire all’autore dell’insano gesto e per scongiurare possibili ulteriori inquinamenti della falda, soprattutto si cercherà di risalire con esattezza all’ identificazione della sostanza che al momento resta ancora ignota.
Pannarano 31 luglio 2020



LE OPERE DEL CICLO DELLE STREGHE SI POSSONO AMMIRARE OGNI SABATO E DOMENICA DI AGOSTO AL MUSEO DEL SANNIO
Ogni sabato e domenica del mese di agosto, ovvero nei giorni prefissati di apertura post Covid-19 della rete museale della Provincia di Benevento, sarà possibile ammirare presso il Museo del Sannio in piazza Matteotti nella sala “Gianni Vergineo”, il ciclo “Le streghe di Benevento e il Gobbo di Peretola”, composto da sei quadri ed una scultura, esposto permanentemente a partire dal 31 luglio 2020, ore 11.00, per decisione di Strega Alberti spa.
Sei quadri di eminenti pittori italiani del secolo scorso, in origine esposti insieme alla scultura “Danza delle Streghe” di Pericle Fazzini (in foto) nello storico “Caffè Strega” della Alberti in via Veneto a Roma, ove fu concepita l’idea del Premio Letterario Strega, saranno consegnate alla Provincia sannita nel corso di una apposita Cerimonia appunto il 31 luglio 2020 alle 11.00.
Mentre la scultura del Fazzini già da decenni nel Museo del Sannio, con l’esposizione permanente anche dei sei quadri che arredavano il locale di via Veneto, sarà ricostituita l’unità e la stessa forza espressiva del ciclo “Le streghe di Benevento e il Gobbo di Peretola”. Nel rispetto delle normative da prevenzione del Covid-19, la Cerimonia di consegna vedrà la partecipazione dei Presidenti della Provincia, Antonio Di Maria, e Strega Alberti spa, Giuseppe D’Avino, nonché del prof. Elio Galasso, già Direttore del Museo del Sannio, che relazionerà sull’evento.
Benevento 30 luglio 2020
Interventi per la messa in sicurezza delle strade per 150mila euro
Il Presidente della Provincia di Benevento, Antonio Di Maria, ha approvato stamani un programma stralcio di lavori per la messa in sicurezza e per la prevenzione degli incendi delle fasce di rispetto delle strade provinciali.
Il programma, che rientra nell’ambito Piano Forestale territoriale 2018/2020 (annualità 2020)  finanziato dalla Regione Campania, che si realizza grazie ad un accordo con gli Enti delegati, mobilita risorse per 150mila Euro circa. I lavori saranno eseguiti in amministrazione diretta mediante l’impiego della manodopera idraulico-forestale in forza presso la Provincia.
Le banchine laterali che saranno messe in sicurezza ricadono nel territorio dei Comuni sui quali interviene per delega la Provincia e cioè: Airola, Amorosi, Arpaise, Benevento, Calvi, Castelpoto, Ceppaloni, Dugenta, Pietrelcina, Sant’Angelo a Cupolo, San Giorgio del Sannio, San Leucio del Sannio, San Martino Sannita, San Nazzaro, San Nicola Manfredi, Telese Terme.
Benevento 30 luglio 2020

Esecuzione di misura cautelare nei confronti di un 26 enne di Benevento
Nella mattinata odierna, all’esito di intensa attività investigativa coordinata dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Benevento, militari della Sezione Operativa della Compagnia Carabinieri di Benevento hanno dato esecuzione ad un decreto di fermo di indiziato di delitto disposto dal pubblico ministero nei confronti di un ventiseienne –già pregiudicato per violazione della legge sugli stupefacenti- gravemente indiziato di plurimi episodi di cessione di sostanze stupefacenti del tipo cocaina, marijuana e crack.
In particolare, l’attività d’indagine traeva origine da diverso procedimento, avente ad oggetto diversi episodi delittuosi commessi con esplosivi o incendi ai danni di alcune autovetture, e consentiva -mediante intercettazioni ambientali e telefoniche- di acquisire elementi per sostenere la gravità indiziaria in ordine ad una fiorente attività di cessione di stupefacenti posta in essere dall’indagato. Oltre a singoli episodi di cessione commessi quotidianamente dal maggio al luglio 2020 dal fermato, sono emersi elementi per ricostruire due distinte “forniture” –rispettivamente di 120 grammi di cocaina (episodio per il quale era stata tratta in arresto, in flagranza di reato, una coppia beneventana proveniente dal napoletano, a cui era stato anche sequestrato un micro cellulare utilizzato per sottrarsi alle intercettazioni) e circa 2 chilogrammi di marijuana- destinate al mercato beneventano e comuni limitrofi.
Il fermo veniva disposto in virtù di alcune conversazioni captate, nelle quali il soggetto destinatario della misura pre-cautelare, temendo o addirittura sostenendo di essere a conoscenza dell’imminente chiusura delle indagini nei suoi confronti, manifestava l’intenzione di volersi allontanare –anche reperendo documenti falsi- in un villaggio ove sarebbe stato difficilmente individuato. I militari della Sezione Operativa hanno, inoltre, eseguito numerose perquisizioni domiciliari, sequestrando presso l’abitazione del fermato dispositivi elettronici portatili e una somma in contanti di euro 1.100,00 in banconote da piccolo taglio, ritenuti corpo dei reati in contestazione.
Al termine delle formalità è stato associato alla Casa Circondariale di Benevento a disposizione dell’A.G. per la convalida.
Benevento, 29 luglio 2020

“Le streghe di Benevento e il Gobbo di Peretola”
Le opere del ciclo “Le streghe di Benevento e il Gobbo di Peretola” di proprietà di Strega Alberti saranno esposte, in via permanente, nella sala “Gianni Vergineo” del Museo del Sannio nel capoluogo sannita, grazie ad un accordo con la Provincia di Benevento. L’inaugurazione si terrà venerdì 31 luglio, alle ore 11.
Interverranno il Presidente della Provincia, Antonio Di Maria, il Presidente di Strega Alberti, Giuseppe D’Avino e la responsabile della gestione museale, Gabriella Gomma. Relazionerà Elio Galasso, saggista e già direttore del Museo del Sannio. Le sei opere, realizzate con oli su tela, sono di Amerigo Bartoli (Il gobbo punito). Renato Guttuso (Il Gobbo benificato), Beppe Guzzi (La danza delle stregae), Mino Maccari (La gobba segata), Mario Mafai (Il gobbo arriva a Benevento) e Angelo Savelli (Il laboratorio Stregato).
Commissionate negli anni ‘50 agli autori della cosiddetta scuola romana, trovarono originaria collocazione nello storico “Caffè Strega” di via Veneto in Roma, vale a dire in quella prestigiosa “location” della Capitale ove nacque l’idea del Premio letterario, destinato ben presto a diventare il più importante d’Italia.
«Credo sia — ha affermato l’ing. Giuseppe D’Avino — un bellissimo modo di festeggiare il 160esimo anno di attività della Società, che dalla città delle streghe ha mutuato il nome e che qui ha iniziato la sua attività nel 1860».
Il presidente della Provincia di Benevento, Antonio Di Maria, nel disporre l’atto di accoglienza delle opere, ha espresso un fervido ringraziamento alla famiglia Alberti, così profondamente legata alla storia della città, per la grossa opportunità di arricchimento e di attrattività offerta al Museo del Sannio.
“Il Gobbo di Peretola”. Fa riferimento a una leggenda, tramandata da Francesco Redi, che racconta di un essere deforme, tornato al suo paese bello e diritto, essendogli stata segata la gobba, dopo che, in viaggio, aveva smarrito la strada maestra, di notte, si era ritrovato nei pressi del noce di Benevento, intorno alla quale stavano allegramente ballonzolando moltissime streghe, una delle quali lo invitò a danzare. Lo fece con tanta grazia e maestria, che le versiere decisero di segargli, senza dolore, la gobba e di sanare la ferita con un impiastro di marzapane. Il Gobbo di Peretola, invidioso per quanto accaduto al suo simile, si mise in viaggio e tanto girovagò, da ritrovarsi, anch’egli nottetempo, a Benevento, al raduno delle streghe. Sicchè, invitato a ballare, si rivolse tanto sgarbatamente alle fattucchiere da provocare la loro risentita reazione. Fu così che gli venne appiccicata sul petto, con pegola d’inferno, la gobba in precedenza segata al suo simile, tanto che non gli restò altro che tornarsene al paese “gobbo di dietro e dinanzi”.
Benevento 29  luglio 2020

EROSIONE E DISSESTI, 20 MILIONI PER LA COSTA CILENTANA SI COMPLETA IL PIANO PER LA METANIZZAZIONE
E' stato approvato in Giunta un programma di interventi di risanamento ambientale che riguarda la fascia costiera del Cilento tra cui i comuni di Camerota, Vibonati e Sapri.
"Abbiamo deciso - ha dichiarato il Presidente Vincenzo De Luca - dopo il sopralluogo della settimana scorsa lungo la fascia costiera tra Camerota e Sapri, di confermare subito l'impegno per finanziare e realizzare le indispensabili opere di risanamento vista anche la criticità verificate in alcuni territori. Per questo oggi in Giunta abbiamo approvato un piano da 20 milioni di euro, uno sforzo finanziario importante per far partire al più presto gli interventi mantenendo l'impegno assunto".
Sempre oggi, la Giunta ha approvato un programma, a valere sulle risorse ancora disponibili dell’intervento metanizzazione del Cilento, rivolto prioritariamente ai Comuni inclusi nel Programma generale di metanizzazione ma non ancora oggetto di finanziamento.
Napoli 28 luglio 2020

Benevento, cittadinanza onoraria a Vigorito
«È un riconoscimento doveroso, dovuto e non formale, che gratifica e rafforza, ancor di più, il legame tra la famiglia Vigorito, la città e l’intero Sannio». Commenta così, il presidente della Provincia, Antonio Di Maria, la Cittadinanza onoraria consegnata stamattina, in consiglio comunale, nel corso di una significativa cerimonia, dal sindaco Clemente Mastella al Presidente del Benevento, Oreste Vigorito.
«L’esaltante vicenda calcistica degli ultimi anni e la nuova, trionfale promozione in serie A — ha proseguito Di Maria — danno la cifra esatta dell’impegno imprenditoriale e della passione viscerale che accompagnano il presidente Vigorito e i suoi preziosi collaboratori, a cominciare da mr. Inzaghi, in questo autentico dono che è lo squadrone giallorosso, a cui, ovviamente, auguro di allungare all’infinito la scia dei successi e dei record. Mi piace, inoltre, ricordare, in questo momento, la figura del compianto fratello Ciro, un autentico pioniere nonchè co-fondatore del nuovo, esaltante corso del calcio a Benevento».
«L’auspicio che dai successi sportivi possano emergere nuovi e più interessati stimoli per la crescita economica della nostra terra — ha concluso Di Maria — può sembrare ovvio e scontato, ma non lo è. Anzi, impegna tutte le Istituzioni ad “accompagnare” con attenzione e lungimiranza l’azione poderosa del presidente Vigorito, del management e dei magnifici calciatori che hanno saputo tramutare un bellissimo sogno in una splendida realtà».
Benevento 27 luglio 2020

MONTESARCHIO: CARABINIERI ARRESTATO UOMO CHE DETENEVA QUASI MEZZO KG DI MARIJUANA GIA’ SUDDIVISA IN CONFEZIONI E L’OCCORRENTE PER PREPARARE LE DOSI.  
Questa mattina, i Carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Montesarchio   al termine di attività investigativa finalizzata alla repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti, hanno tratto in arresto U.S. 52enne di Montesarchio, già noto ai militari per i suoi trascorsi penali, in quanto a seguito di perquisizione domiciliare ed un locale condominiale nella disponibilità dello stesso 52enne. Nel corso dell’attività i militari, all’interno di due zaini occultati opportunamente nei due immobili, hanno rinvenuto:
427 grammi di marijuana, già esiccata e tritata, già divisa in 32 bustine di cellophane;
un apparecchio termo-sigillante;
N.4 apparecchi tritaerba;
N. 3 bilancini elettronici;
altro materiale vario per il confezionamento e la conservazione dello stupefacente.
I Carabinieri nel corso della perquisizione hanno rinvenuto anche un borsello, che conteneva 780 euro in banconote di piccolo taglio, ritenuto provento dell’attività di spaccio.
Quanto sopra, pertanto, è stato posto sotto sequestro, mentre l’uomo dopo le consuete formalità è stato dichiarato in arresto con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e, su disposizione del Sostituto Procuratore di turno, è stato ristretto presso la propria abitazione in regine di detenzione domiciliare.  
Montesarchio 24 luglio 2020

Venerdì 31 luglio alle 11.00 Cerimonia di consegna del Ventaglio al Quirinale
Venerdì 31 luglio alle ore 11.00 avrà luogo al Quirinale la tradizionale cerimonia di consegna del "Ventaglio" al Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, da parte dell'Associazione Stampa Parlamentare.
Per ragioni legate all’emergenza sanitaria, al Quirinale sarà presente una piccola rappresentanza di giornalisti concordata con l’Associazione Stampa Parlamentare.
La cerimonia potrà essere seguita in diretta streaming sul sito www.quirinale.it.
Roma, 24/07/2020

Sequestro preventivo per appropriazione indebita e frode nelle pubbliche forniture
Nella mattinata odierna, i finanzieri del Comando Provinciale di Benevento hanno dato esecuzione ad un Decreto di sequestro preventivo - ex art. 321 c.p.p. emesso dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Benevento nei confronti dell’amministratore di fatto del Consorzio Maleventum , con sede in Benevento - avente come oggetto sociale la gestione dei centri di accoglienza per migranti siti in vari territori della provincia di Benevento – perché gravemente indiziato dei reati di appropriazione indebita  e frode nelle pubbliche forniture.  
La richiesta di sequestro veniva formulata dai magistrati della Procura  della Repubblica di Benevento al termine di mirate e capillari indagini delegate al Nucleo di Polizia Economica-Finanziaria di Benevento, che consentivano di far emergere importanti e notevoli carenze nel servizio di accoglienza degli immigrati nella provincia di Benevento, nonché un redditizio ed illecito “business” con enormi profitti per i gestori dei centri, conseguito ai danni dei malcapitati ospiti delle strutture, a seguito del mancato impiego e destinazione delle risorse pubbliche ricevute dalla Prefettura di Benevento per il funzionamento e la gestione delle citate strutture di accoglienza.
Inoltre le indagini svolte, alle quali hanno fornito utile apporto anche la citata Autorità di Governo della Prefettura di Benevento, consentivano di accertare, nello specifico, che l’amministratore e gestore di fatto del Consorzio Maleventum, struttura - quest’ultima - aggiudicataria dei bandi di gara e delle convenzioni stipulate con la locale Prefettura, si appropriava indebitamente, sia direttamente che attraverso alcuni propri congiunti, di ingenti somme di denaro erogate al predetto Consorzio, che venivano  utilizzate per sostenere costi non inerenti l’oggetto sociale ma destinati, ad un utilizzo diverso quello consentito dal titolo di erogazione ed  impiegate in diversi occasioni per spese personali dell’amministratore di fatto, avente carattere voluttuario.
All’esito delle indagini si è proceduto, pertanto, al sequestro preventivo, della somma di euro 1.146.602,28, non ancora erogata dalla struttura pubblica, pari al valore delle prestazioni di servizi dovute dal consorzio Maleventum a favore degli extracomunitari ma mai rese , in quanto profitto del reato di frode in pubbliche forniture , nonché alla esecuzione del sequestro finalizzato alla confisca delle somme che costituiscono il profitto del reato di appropriazione indebita, quantificate in euro 774.127,49, nella disponibilità del gestore di fatto del consorzio e di due suoi familiari.
Benevento, 24 luglio 2020

CENTRO IUVENIA IN MORCONE PER L'ORTOTERAPIA
Il Presidente della Provincia di Benevento, Antonio Di Maria, ha partecipato alla presentazione in Morcone de "L'Orto di Iuvenia" del Centro di Riabilitazione Iuvenia.
Si tratta di un progetto di Ortoterapia a supporto delle attività riabilitative del Centro, realizzato in collaborazione con il movimento "Donna Impresa" di Coldiretti Benevento, il Dipartimento di Prevenzione Asl di Benevento, Foggia e Potenza, l’Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali, il Comune di Morcone e la stessa Provincia.
L’Ortoterapia, o "cura dell'orto", è una terapia occupazionale e di psicomotricità che, con l’intervento di un professionista specializzato, incentiva la riabilitazione nei soggetti affetti da problematiche fisiche, cognitive o psicologiche. Il progetto in Morcone è stato coordinato da Elena Iannotti, psicoterapeuta del Centro Iuvenia e presidente dell’associazione Nitrì; Livia Iannotti, agronomo della Coldiretti ed esperta in Ortoterapia, e Vito Bochicchio Direttore del Dipartimento di prevenzione Asl di Potenza.
"L'Orto di Iuvenia", nell’area verde del Centro Iuvenia, consente di realizzare un programma terapeutico occupazionale e di neuro-psicomotricità con gli obiettivi di aumentare le autonomie e migliorare la qualità di vita dei piccoli pazienti. Infatti, secondo i curatori, un primo risultato atteso per i piccoli pazienti è quello dello sviluppo della motricità perché seminare, potare, raccogliere i frutti e le altre attività a contatto con la natura stimolano il movimento favorendo il coordinamento occhi – mani – braccia, l’incremento della forza e della resistenza, il movimento bilaterale. Un altro risultato atteso è quello di migliorare la capacità di apprendimento in quanto l’organizzazione dello spazio dell’orto, il ricordare il nome delle piante, la ciclicità delle stagioni con tempi di semina e di raccolto sono tutte attività che stimolano capacità logiche, memoria e attenzione dei piccoli. I promotori de “L'Orto di Iuvenia", inoltre, segnalano che, tra l’altro, il progetto sviluppa l’autostima di chi svolge un ruolo nella raccolta dei frutti della terra; favorisce la socializzazione del bambino e ne attiva le capacità affettive con il piacere di far crescere una pianta.
Il Presidente Di Maria in un suo commento, espresso il compiacimento per l’iniziativa che coinvolge professionalità, Soggetti istituzionali, forze della società civile, ha confermato, nell’ottica della lotta alla desertificazione e allo spopolamento delle aree interne montane,  l’intendimento della sua Amministrazione di favorire la sempre maggiore dotazione di servizi superiori per questi territori, al fine di rivitalizzarne ruolo e funzioni e renderle nuovamente poli attrattori con proposte che esaltino le loro qualità paesaggistiche e naturalistiche.
Morcone 24 luglio 2020

Benevento Vertenza Esaf
Stamani al termine di una riunione di lavoro per la vertenza Esaf, con la partecipazione, da un lato, dei rappresentanti della Associazione di Imprese aggiudicataria di un appalto della Regione Campania per la manutenzione di una tranche di circa 900 chilometri di strade provinciali sannite, e i Dirigenti e funzionari della Provincia di Benevento, si è raggiunta una intesa per chiudere la procedura del cosiddetto “Stato di avanzamento dei lavori” entro il 31 luglio p.v. Tale adempimento è da ritenersi propedeutico per poter avviare, in tempi ragionevolmente brevi, anche la seconda tranche di manutenzione per i restanti altri 300 chilometri di strade provinciali. Ad attendere gli esiti del confronto sono stati alcune decine di dipendenti dell’Esaf.
Benevento 24 luglio 2020.

Morto Antonio Tridici, storico paparazzo romano.
Si è spento ieri a Roma Antonio Tridici, uno dei più famosi fotografi italiani protagonista del periodo della Dolce Vita. Insieme ad altri ragazzi soprannominati dal Maestro Federico Fellini come ‘paparazzi’ ha raccontato attraverso le sue immagini da sogno e indimenticabili la storia del nostro Paese. Antonio oltre ad essere uno dei più famosi ‘paparazzi’ degli anni 60 era amato e stimato da tutti i colleghi e personaggi che hanno avuto il piacere e l’onore di lavorare con lui. Un uomo descrittto da tutti come un professionista dalla grande onestà. Con Antonio se ne va un pezzo della storia italiana, si spegne la luce dei suoi occhi quando raccontava gli aneddoti del suo lavoro, ma la stessa luce del suo amore per la sua professione la potremmo veder risplende nelle sue foto. .
ROMA LUGLIO 2020

NUOVO NUMERO DE "LA PROVINCIA SANNITA"
Dopo circa cinque anni è stato pubblicato un nuovo numero de “La Provincia sannita” (Anno XL, n. 1/2020).
Lo comunica il Presidente della Provincia di Benevento Antonio Di Maria che ha fortemente voluto la rinascita dell’Organo di informazione e stampa dell’Ente.
“La Provincia sannita”, che in copertina pubblica la foto di un momento della visita dello scorso 28 gennaio al Museo del Sannio del Presidente della repubblica Sergio Mattarella, ripercorre alcuni dei momenti della vita istituzionale della Provincia, comprese le iniziative assunte per il contrasto al contagio da Coronavirus, e si sofferma su vicende, fatti, personaggi e storia del territorio.
In particolare, gli articoli sono dedicati, oltre che alla visita del Presidente Mattarella e del Ministro delle Risorse Agricole Teresa Bellanova: alla crisi delle aree interne, con la mobilitazione anche dei Vescovi del nord est campano;  al “Treno storico” Benevento - Pietrelcina - Assisi; al Biglietto unico per l’accesso alla Rete Museale; alla Diga di Campolattaro; all’infrastrutturazione materiale (Alta Capacità Ferroviaria, Raddoppio della Telesina, etc.); alla “Falanghina”, eccellenza sannita eletta al vertice dei vini d’Europa per il 2019; ad un’analisi sulle trasformazioni urbane lungo la via Appia; al coraggio di due Sanniti nel denunciare (insieme a personalità del calibro di Mark Twin, Arthur Conan Doyle e Joseph Conrad) il genocidio dei congolesi perpetrato da re Leopoldo II di Belgio; alla “trasfigurazione” di un mugnaio ravennate in “Leone” ai piedi della Rocca dei Rettori; alla storia del restauro dell’Obelisco del Tempio di Iside di Benevento ritrovato nel corso di uno scavo archeologico da Almerico Meomartini nei primi anni del secolo scorso; ad un ritratto del Maestro originario di Castelfranco in Miscano (BN) Sir Antonio Pappano; alle cronache di una iniziativa che ha coinvolto alcuni Comuni dell’Alto Sannio sui temi dell’emigrazione, del Natale e dello scontro tra Saraceni e Cristiani.
Gli articoli sono firmati da: Sergio Mattarella, Antonio De Lucia, Nicola Mastrocinque, Giuseppe Chiusolo, Luigi Mauta, Roberto Costanzo, Franco Morante, Marco Pio Mucci.
Benevento 22 lugliuo 2020


LAVORATORI ESAF IN PROTESTA SI INCATENANO AI CANCELLI DELLA ROCCA DEI RETTORI
Il Segretario generale della Provincia di Benevento, Maria Luisa Dovetto, ha incontrato stamani ai piedi della Rocca dei Rettori, alcuni lavoratori del Consorzio Esaf che si era incatenati nella prima mattinata per protestare contro i ritardi nella loro chiamata al lavoro, essendo impegnati in un programma di manutenzione delle strade della Provincia su finanziamento della Regione Campania.
I lavoratori dovrebbero essere impiegati nella esecuzione di un lotto di lavori su circa 300 chilometri di strade provinciali aggiuntivo rispetto a quello principale avviato da alcuni mesi e che riguarda circa 900 chilometri di strade, anch’esso finanziato dalla Regione.
Questo secondo lotto di lavori, in realtà, è stato posto in “stand by” a ragione di misure interdittive nel frattempo imposte dal Tribunale di Reggio Calabria a carico di una delle Aziende che fanno capo al Consorzio Esaf: quindi i lavoratori chiedono di essere avviati al lavoro, così come i loro Colleghi del primo lotto.
La Segreteria Dovetto, delegata dal Presidente della Provincia Di Maria, ha avviato un dialogo con i lavoratori incatenati ai cancelli della Rocca: la Segreteria ha ricordato che, anche a ragione del rilievo economico dell’appalto gestito dalla Regione Campania, e dopo le comunicazioni formali del Tribunale di Reggio Calabria, la Provincia ha avviato una verifica tecnico-economica e formale sugli interventi effettuati e su quelli a farsi, nonché sullo stessa seconda tranche di lavori per gli ulteriori 300 chilometri di strade provinciali da manutenere. Della vicenda si è occupato lo stesso Consiglio Provinciale nella seduta del 9 luglio u.s.. A seguito di tali verifiche era stata già concordata e convocata una apposita riunione con l’Azienda assuntrice dei lavori per domani 22 luglio per definire tutte le questioni in sospeso, tra le quali anche quella relativa alla seconda tranche di lavori. La Segreteria ha dunque sottolineato la necessità che si concluda questa fase di accertamento anche al fine di poter consentire al Settore Tecnico della Provincia di poter procedere ai propri adempimenti di competenza in tutta serenità di coscienza.
I lavoratori hanno preso atto di queste dichiarazioni ed hanno sospeso la loro protesta in attesa degli esiti del confronto di domani.       
Benevento 21 luglio 2020


DE LUCA: "DA OGGI VIA AI SALDI IN ANTICIPO PER DARE RESPIRO AL COMMERCIO"
Dichiarazione del Presidente De Luca:
“Abbiamo deciso di anticipare a questa mattina l’inizio dei saldi. Abbiamo ritenuto indispensabile partire prima possibile per dare respiro al mondo del commercio. Siamo
Convinti che questo potrà consentire una ripresa dei consumi in un momento particolarmente difficile anche per questo comparto”
Napoli 21 luglio 2020
Torna ai contenuti | Torna al menu